.
Annunci online

LiberaUtopia
Non sono d’accordo con ciò che dici, ma farei di tutto perchè tu possa dirlo
Imposta Liberautopia come pagina iniziale !
Rendi Liberautopia la tua pagina iniziale
Disclaimer
-
---------------------------------------------------PRIMO PIANO--------------------------------------------------- --------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------
POLITICA
22 luglio 2008, in Giovanni Salvo
Bossi insulta l'inno. Scriviamo a Napolitano
Dopo la fesseria sparata ieri secondo cui l'Inno d'Italia dice che siamo schiavi di Roma (in realtà come ho spiegato sabato è riferito alla vittoria che è schiava di Roma come è riportato anche sul sito del Quirinale), Bossi ne spara un'altra. Al richiamo di Gianfranco Fini che chiede al Senatur di rispettare lo Stato, Bossi risponde "Solo strumentalizzazioni, visto che nell'inno di Mameli c'è scritto pure che i bambini si chiamano Balilla" insinuando evidentemente che l'inno di Mameli faccia riferimenti ai Balilla intesi come il soprannome che veniva dato ai bambini durante il fascismo. In realtà è evidente che il fascismo con l'inno non centrino niente visto che Mameli lo compose nel 1847 quando non esisteva ancora nemmeno il regno d'Italia... In realtà la frase dell'inno "i bimbi d'Italia si chiaman Balilla" si riferisce al soprannome di Giovan Battista Perasso, giovane genovese, che nel 1746 diede il via alla rivolta di Genova contro gli Austro-Piemontesi con il lancio di una pietra nei confronti dei soldati.

E' il momento di dire basta! Non è ammissibile un comportamento così vergognoso da parte di un Ministro. Si dimetta immediatamente! Non sono accettabili nemmeno le scuse a questo punto.

Ho deciso di scrivere una lettera al Presidente della Repubblica:

"Illustre Presidente,
sono un cittadino indignato e offeso dalle parole di un Ministro della Repubblica quale è Umberto Bossi. Le sue parole contro l'Inno d'Italia sono un offesa personale a tutti coloro che credono nell'unità della Repubblica Italiana di cui l'Inno di Mameli è un simbolo per eccellenza. E' vergognoso che un Ministro che dovrebbe essere al servizio della Repubblica e dei cittadini rivolga gesti e parole così ingiuriose nei riguardi di uno degli emblemi che rappresentano la nostra nazione. Umberto Bossi non è nuovo a gesti come questo, ha più volte insultato il tricolore e offeso la Costituzione. Per tanto mi permetto di chiederLe un intervento per far cessare e punire atti come questi. Ritengo che Lei, in qualità di rappresentante dell'unità della nazione, abbia il dovere di difendere l'onore e la reputazione dello Stato e del suo popolo. Il silenzio da parte Sua, signor Presidente, davanti a questi fatti Le farebbe poco onore e Le farebbe perdere la stima che molti italiani, compreso me, ripongono in Lei quale garante dell'unità nazionale.
Sicuro di uno Suo intervento Le invio distinti saluti.

Giovanni Salvo"

Chiunque voglia aderire all'iniziativa può inviare una lettera attraverso questa pagina del sito del Quirinale.

Inserisci il banner nel tuo blog o sito


Sfoglia giugno        agosto

Lettori
Sei il visitatore
Facebook
-
Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

News
Via Cuffaro dalla Vigilanza RAI
Via Cuffaro dalla Vigilanza RAI

Arrestateci tutti
Scriviamo a Napolitano
Intercettatemi
Via Saccà dalla Rai
Passaparola
Segui la diretta su LiberaUtopiapassaparola
Nucleare? No, grazie
Liquida
MigliorBlog
MigliorBlog.it
PageRank
Free Google PageRank
Rubriche
Link
Cerca

Feed
Utenti on-line




IL CANNOCCHIALE